Bioclima Zero27 – Cantiere in vetrina a Pozzoleone (VI)

Luogo: Pozzoleone
Progetto: 5 Unità Abitative
Architetto: Progettista della Provincia di Vicenza
CANTIERE IN VETRINA A POZZOLEONE (VI)

Muratura armata e blocchi Bioclima Lacablocco Zero30 sono parte integrante della struttura di un edificio alto tre piani, in avanzato stadio di costruzione. E’ suddiviso in 5 unità abitative.

Il progettista, arch. Riccardo Crea ha scelto i prodotti a base di Leca dopo aver valutato diverse altre tipologie, per le strutture portanti. Gli elementi in argilla espansa si sono imposti grazie alle qualità intrinseche d’alto livello.

L’impiego del sistema a muratura armata e dei blocchi termoisolanti, caratterizzati da soluzioni esclusive che li rendono estremamente versatili per la realizzazione di tutti i principali elementi architettonici, ha consentito l’economica realizzazione di una struttura dotata di caratteristiche antisismiche ed antincendio, in grado di soddisfare ampiamente le imminenti prescrizioni in materia di termica. Com’è noto, entreranno in vigore nel 2010.

Foto 1: Posa del primo corso di blocchi Bioclima Zero30, con l'impiego di alcuni pezzi speciali. Il taglio termico è assicurato dalla strisca isolante adesiva, posata tra i corsi. Foto 2: Posa del primo corso di blocchi Bioclima Zero30, con l'impiego di alcuni pezzi speciali. Il taglio termico è assicurato dalla strisca isolante adesiva, posata tra i corsi.
Foto 3: L'impiego del tipo base Bioclima Zero30 (20x25x38 cm) esclude l'uso del blocco speciale d'angolo con spalletta a testa piana.
Foto 4: Le armature dei ferri di ripresa dai blocchi cassero ad uso pilastro del piano terra pilastri si elevano verso l'alto per essere poi conglobate nelle pareti del secondo piano.
Foto 5: Le murature Bioclima Zero30 e Bioclima Fonoisolanti hanno raggiunto la quota del solaio. All'interno di queste, si notano i pezzi speciali pilastri per la formazione della muratura armata.
Foto 6: Il risultato: Trasmittanza termica U=0,29 W/mqK; idoneità per zone sistmiche dalla prima alla terza classe.
Foto 7: L'immagine mostra la fase conclusiva dell'opera con la copertura in legno. L'uso dei pezzi speciali pilasto e la tavella isolata sui cordoli hanno permesso di contenere i ponti termici "corretti" cioè con dispersione termica inferiore al 15% rispetto a quella della parete ed una soluzione omogenea di prodotto per tutte le superfici delle pareti.

Questo sito utilizza cookies tecnici e di terze parti per offrirti il miglior servizio possibile.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati dal sito ed eventualmente disabilitarli, accedi alla nostra Cookie Policy.

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi